SALADE DE ROMANESCO
VEUVE CLICQUOT ROSÉ

INSALATA AL ROMANESCO

By 森枝 幹
Ciao, sono Kan Morieda. Sono uno chef al "Chompoo", un ristorante thailandese di Shibuya. Sono inoltre consulente e produttore per ristoranti, bar, eventi e stampa. Ho iniziato la mia carriera presso il ristorante "Tetsuya's" di Sydney, in Australia. L'esperienza vissuta là mi ha insegnato a creare piatti liberamente e a pensare fuori dagli schemi. Oggi ho preparato un'"insalata al romanesco". Il broccolo romanesco ha una splendida texture croccante. Ho abbinato la leggera dolcezza del broccolo romanesco con il melograno e la mozzarella. Per dare un tocco in più al piatto, ho aggiunto barbabietola sott'aceto, pepe nero in grani e fiori di acetosella. Amo la cucina orientale: speziata, leggermente amara e dagli aromi forti. Con un piatto di carattere, si abbina perfettamente l'acidità ricca e fresca del Veuve Cliquot Rose Label. Desidero aprire la mente delle persone. Indicando loro come godere liberamente del "cibo", spero che le persone possano accettare meglio diverse culture e creare un mondo migliore.
Play

Prova la ricetta

Ingredienti

  • 1/4 Broccolo romanesco, 50g Mozzarella
  • 5 grani di pepe nero, 20 chicchi di melograno
  • 3 pezzi (modellati a forma di topo) di barbabietola sott'aceto
  • 1 cucchiaino di aceto di lamponi
  • 1 cucchiaino di olio d'oliva
  • Foglia e fiore di acetosella, se disponibile
Instructions
Tagliare il broccolo romanesco in piccoli pezzi e collocarli in u na ciotola.
Nella stessa ciotola, aggiungere mozzarella a pezzettini, i grani di pepe nero divisi a metà e i chicchi di melograno.
Unire l'aceto di lamponi e l'olio d'oliva, quindi salare a piacere.
Impiattare e rifinire aggiungendo la barbabietola sott'aceto e l'acetosella.

Scoprire

Kan Morieda

Kan Morieda è un giovane chef giapponese che si è imposto nel mondo della gastronomia grazie al suo spirito innovativo e rispettoso dell'ambiente. Il suo percorso è ricco di incontri con culture diverse. Lo chef apprende l’arte della cucina giapponese, dalle tecniche puntigliose agli impiattamenti innovativi. La sua cucina è il risultato di una combinazione creativa che unisce ingredienti unici e metodi di cottura tradizionali. Ama creare una cultura gastronomica più varia, condividere nuovi gusti e proporre un mondo durevole anche dal punto di vista valoriale. Lo chef moltiplica i progetti e le collaborazioni a livello internazionale, dal lancio di ristoranti a una rivista culinaria.